19.10.2016

Calabria: un paradiso nascosto.

19.10.2016

Calabria: un paradiso nascosto.

Mi chiamo Filippo e sono nato e cresciuto in Calabria: verso la mia terra nutro un amore incondizionato che mi ha spinto, insieme alla mia innata passione per la fotografia, a voler celebrarla attraverso i miei scatti e video.

La Calabria è una terra ricca di posti incantevoli tali da far emozionare chiunque: ancora oggi mi chiedo perché davanti a determinati paesaggi mi emoziono come se fosse la prima volta che li osservo.

Tra i tanti pregi della mia terra la sua biodiversità e la vicinanza tra il mare e la montagna sono sicuramente tra i più importanti offrono al turista una scelta infinita sui posti da visitare: dal parco Nazionale della Sila si raggiungono agevolmente le diverse località marittime che si affacciano sia sullo Ionio che sul Tirreno, passando anche attraverso borghi medievali e tanto altro.

Raccontare tutto ciò in unico articolo risulterebbe impossibile, per questo comincerò a parlare della costa Ionica catanzarese, che frequento da quando sono bambino essendo nato nella città di Catanzaro.

Prima di immergerci in questo breve viaggio fotografico non posso non parlare della mia attrezzatura. Mi piace molto la comodità ed avere tutto a portata di mano, ma siccome spesso mi addentro in posti impervi e difficili da raggiungere necessito di qualcosa di resistente alle intemperie e dal peso contenuto. Per una questione di peso uso una mirrorless abbinata a due obiettivi ed un’action cam con relativi accessori, pertanto la mia attrezzatura necessita di uno zaino comodo e versatile: a tale scopo ho scelto lo Zaino fotografico da montagna Off road della Manfrotto.

La mia scelta è ricaduta su questo zaino perché visitando la mia Calabria mi ritrovo spesso a stare molte ore all’aperto e quindi, come in ogni escursione che si rispetti, ho bisogno di avere con me anche altro materiale per ogni evenienza: borracce d’acqua, caricabatterie portatile, taccuino, disinfettante (spesso ci si taglia durante le escursioni) ecc…

Una caratteristica fondamentale di questo zaino è la sua idrorepellenza e la sua resistenza all’umidità e all’acqua: queste caratteristiche rendono lo zaino particolarmente utile quando si visitano posti eccessivamente umidi o quando si è in prossimità del mare.

Credo si sia capito che mi piace molto esplorare… questo zaino fa proprio al caso mio.

Questo breve viaggio inizia dalla località di Caminia, un vero e proprio paradiso in terra.  Caminia si presenta come una piccola striscia di sabbia incastonata tra due scogliere che, circondata dalle colline sovrastanti, risulta essere un vero e proprio tesoro custodito dalla natura. Le scogliere custodiscono delle grotte considerate sacre, intorno alle quali ruotano storie suggestive, mentre il mare che lambisce le sue coste, completamente cristallino, regala un enorme senso di armonia e pace.

1

2

Un altro posto molto suggestivo si trova in prossimità dello Scoglio di Pietragrande nel comune di Stalettì. Questo luogo è famoso proprio per questo grande ammasso roccioso che si trova a ridosso la costa e che si inserisce perfettamente nel tipico paesaggio roccioso di quella striscia di terra che va dalla località di Copanello fino a Caminia.

4

Adoro venire in questo posto fantastico specialmente al calar del sole, perché i giochi di luce e colore che si creano col cielo ed il mare mi lasciano senza parole.

Un posto ricco di storia, natura ed un paesaggio fantastico (sempre nel comune di Stalettì) è il tratto di costa conosciuto per le Vasche di Cassiodoro e la famosa discoteca Blu 70, che si affaccia direttamente sul mare chiamata. Sono molto legato a questo luogo, perché riesce a darmi tranquillità. A mio avviso è uno dei posti più sottovalutati della mia regione poichè risulta essere quasi abbandonato mentre invece presenta un fondale marino mozzafiato (a tal proposito, il mio consiglio è di fare snorkeling e di osservare la molteplicità di specie marine che vi sono presenti). Gode di un’importante rilevanza storica grazie alle vicende legate a Flavio Magno Aurelio Cassiodoro, le sue vasche ed i resti dell’antica Chiesa di San Martino (un piccolo edificio di culto a navata unica dove si pensa si trovino i resti della tomba di Cassiodoro). Le Vasche di Cassiodoro sono un luogo molto suggestivo: fare il bagno tra i suoi scogli di granito e nuotare nelle limpide acque azzurre consci del fatto che questo luogo abbia una storia così importante rende questa esperienza davvero emozionante ed unica. Il grande rammarico è nel vedere questo luogo praticamente abbandonato a se stesso, quando invece potrebbe essere una delle principali mete da visitare durante un viaggio in Calabria.

5

6

Il mio breve viaggio lungo questo tratto di costa termina qui: spero di avervi  trasmesso la passione che riserbo per questa terra e vi invito a visitare i miei canali social per scoprire il mio progetto riguardo la Calabria (clicca qui per vedere il teaser). Al prossimo articolo, che spero di scrivere presto: dato che ho ancora molto da raccontare!

featured7

Filippo Gabriele

Nato in Calabria nel 1992, una regione che fa amare la natura in tutte le sue forme. Sono uno studente universitario e cerco sempre di dedicare più tempo possibile alle mie passioni, come la fotografia, la musica e l’escursionismo. Mi piace esplorare e scoprire sempre nuovi posti:  molte volte non c’è bisogno di fare lunghi viaggi per trovare dei luoghi che ti lascino senza fiato. Il mio obiettivo è quello di far emozionare attraverso le mie foto chi le guarda e promuovere la mia terra sperimentando varie tecniche fotografiche utilizzando anche le action cam. Seguitemi in questo mio viaggio.

http://characoal.blogspot.it/

Facebook

Instagram

YouTube

Twitter

Top
I nostri brand