26.09.2017

Geometrie in viaggio: 5 trucchi fotografici

written by:
Cristina Taddei – In ogni viaggio

26.09.2017

Geometrie in viaggio: 5 trucchi fotografici

Negli ultimi anni, dedicandomi alla street photography soprattutto quando sono in viaggio, ho allenato l’occhio ai dettagli appassionandomi anche all’urban photography. Sono attratta sempre di più dalle composizioni di forme geometriche che valorizzino l’architettura di una città non nell’insieme ma nei suoi dettagli e che esaltino i particolari del contesto urbanistico fatti di linee e diagonali, di accostamenti cromatici, di prospettive ricercate, di spazi vuoti e abbandonati che raccontano un luogo tanto quanto una strada affollata di cose o persone.

Mi piace ricercare scatti che aiutano ad apprezzare aspetti e punti di vista diversi di un posto andando oltre l’inquadratura classica di un panorama o di una piazza; spesso angoli che ad una prima occhiata possono risultare insignificanti possono regalare scatti interessanti. Per una bella fotografia il posto non conta, non è necessario essere fotografi esperti nè trovarsi dall’altra parte del mondo: iniziate dai luoghi che frequentate quotidianamente, una volta in viaggio sarà tutto più facile!

Allenatevi a cercare l’insolito! Portate con voi occhi curiosi e qualche semplice trucco. Ne ho raccolti per voi cinque, utili specialmente a chi sta muovendo i primi passi nel mondo della fotografia.

1# SIATE FLESSIBILI CON LA VOSTRA POSIZIONE: CAMBIATE PROSPETTIVA.

Non scattate sempre restando in piedi, divertitevi variando il vostro punto di vista: mettetevi in ginocchio o seduti per terra, abbassatevi all’altezza esatta di ciò che volete fotografare, inclinate in alto o in basso il vostro obbiettivo, inquadrate un dettaglio dall’alto, sdraiatevi sotto un soffitto bellissimo come ho fatto nella fotografia fatta in un tempio ad Hanoi, in Vietnam: togliendo tridimensionalità all’immagine è più facile far emergere interessanti giochi di forme geometriche.

2# SCEGLIETE DETTAGLI ED ELEMENTI SEMPLICI.
Una volta deciso cosa volete mettere in risalto con il vostro scatto, eliminate il superfluo. Non abbiate paura di utilizzare lo zoom per inquadrare esclusivamente il dettaglio che vi interessa; non abbiate timore di scattare un’immagine “tagliata”: il vostro particolare da solo riuscirà a riempire la fotografia esaltando la bellezza del vostro soggetto e a raccontare una storia.

3# GIOCATE CON LE LINEE.

Se vi guardate intorno troverete linee ovunque: vi serviranno a dare intensità e a guidare l’attenzione sul soggetto del vostro scatto. Linee verticali o parallele servono per esaltare l’ordine della composizione o l’altezza dell’immagine, quelle orizzontali per amplificare la stabilità alla fotografia, quelle diagonali o convergenti per dare profondità e spostare lo sguardo dell’osservatore verso il punto desiderato, quelle circolari per regalare dinamicità all’immagine. In alternativa e in modo minimalista, le linee possono essere anche l’oggetto stesso del vostro scatto esaltando la bellezza delle forme immortalate.

4# CERCATE LA SIMMETRIA.

Per le vostre inquadrature andate oltre la regola dei terzi! Nei contesti urbani è possibile divertirsi giocando anche con inquadrature estremamente simmetriche. Davanti a forme o soggetti speculari provate ad esaltare l’equilibrio di ciò che inquadrate; per la vostra composizione potete prendere di riferimento l’asse orizzontale – ottimo per esempio per giocare con i riflessi nell’acqua –  o verticale – più interessante da utilizzare con edifici, ponti, interni, scale, finestre, portoni.

5# ESALTATE I CONTRASTI CROMATICI.

Per esaltare la geometria di base, oltre le linee vi serviranno i colori (il che non vuol dire necessariamente escludere la produzione della foto in bianco e nero): esercitatevi con semplici facciate di edifici dai colori accesi, banchi di frutta ordinata come pattern geometrici, contrasti e giochi di ombre sui muri. Il dettaglio ancora una volta può fare la differenza…e regalare una fotografia intensa!

Cristina Taddei – In ogni viaggio

Fiorentina con la passione dei viaggi e della fotografia grazie ai miei genitori che mi hanno cresciuta a montagne, camper e macchine fotografiche. Tre tatuaggi, Scorpione ascendente Leone, curiosa, determinata e appassionata del mondo, amo i viaggi itineranti possibilmente fai da te. Viaggiare è un bisogno e al tempo stesso la mia energia, fotografare una passione. Tendo all’iperattività ma mi incanto di fronte ai colori, alla bellezza dell’arte e della natura.

Top
I nostri brand