13.07.2015

Viaggio su strada attraverso gli Stati Uniti orientali

13.07.2015

Viaggio su strada attraverso gli Stati Uniti orientali

Alcuni dei panorami più belli e particolari al mondo si trovano negli Stati Uniti orientali: spiagge sabbiose, impervie costiere rocciose, fitte foreste di legno rosso, altissime montagne, canyon di rocce rossastre e formazioni di roccia scavata sono solo alcuni esempi. Visitate gli Stati Uniti orientali.

La costa centrale della California ospita alcuni dei paesaggi costieri più spettacolari. Qui le foreste di legno rosso incontrano l’Oceano Pacifico. Potete percorrere la Coast Highway 1 dalla California meridionale fino alla costa e trovarvi di fronte ad alcuni paesaggi mozzafiato.

ponte_bixby

Il ponte di Bixby è stato costruito nel 1932. Ho scattato la fotografia da dietro il ponte, mentre mi trovavo lungo la vecchia Coast Highway, che veniva usata ancor prima che questo fosse edificato. Ho usato un filtro graduato a densità neutra 0,6 di Lee Filters e un polarizzatore circolare Hoya’s Moose, per controllare la luce tagliente del sole del primo pomeriggio.

sand_dollar

Sulla costa centrale della California sono presenti splendide spiagge e baie. Mentre viaggiate lungo la Coast Highway, fermatevi ogni tanto ed esplorate i dintorni. Questa spiaggia si chiama Sand Dollar Beach ed è uno splendido esempio della vera bellezza delle coste californiane.

redwoods

Benvenuti nella foresta California Redwoods. Gli altissimi alberi possono raggiungere i 350 piedi (106 metri): è un luogo perfetto in cui scattare fotografie con un grandangolo. Le diverse varietà di luce sono splendide nella foresta: si passa rapidamente dal sole abbagliante alla fitta nebbia.

Dirigendovi verso ovest, attraverso il Nevada, potete visitare lo Utah e l’area dei Grandi Laghi Salati. Lo Utah è uno degli stati che amo di più fotografare. Da Salt Lake City potete andare verso ovest alle distese di sale di Bonneville, che coprono un’area di 40 miglia (64 chilometri) quadrate, la cui particolarità è l’aspetto che cambia a seconda del periodo dell’anno. In primavera spesso si forma un sottile strato di acqua piovana, che le trasforma in un limpido specchio, mentre nelle stagioni più secche e ventilate il sale diventa più spesso, incrostato, dalla superficie mossa e un aspetto simile a quello della neve.

distese_di_sale

Il suolo così caratteristico è un soggetto perfetto da immortalare: potete abbassarvi e avvicinarvi, utilizzando un grandangolo. Per questa fotografia ho tenuto la fotocamera a 10 pollici (25 centimetri) dal suolo, usando un’ampia apertura per assicurarmi che tutta l’inquadratura fosse a fuoco.

Spostandovi verso sud attraverso lo Utah, ci sono cinque parchi nazionali da non perdere. I miei preferiti sono quelli che ospitano i canyon Zion e Bryce. Il parco di Zion ospita alcuni dei più bei canyon d’America, i più noti dei quali sono Subway e Narrows.

subway

Il Subway, chiamato così per la sua forma di galleria curva, è un luogo spettacolare, già molto fotografato, ma che dovrebbe comunque essere visitato da tutti gli appassionati di fotografia. Per raggiungerlo bisogna affrontare una scarpinata di circa 9 miglia (14 chilometri), ma ne vale davvero la pena. Ricordate inoltre che all’interno del canyon c’è poca luce, quindi vi consiglio di portare con voi un treppiede.

watchman_durante_un_temporale

Nel parco di Zion sono presenti alcuni dei paesaggi più famosi e ritratti dai fotografi, come il picco Watchman che si staglia sul fiume Virgin. Questo paesaggio perfettamente bilanciato vale la visita, anche se è già stato immortalato innumerevoli volte! Ho avuto la fortuna di fermarmi in questo parco per due settimane e ho potuto fotografare questo scenario in diverse condizioni meteorologiche. Grosse nuvole temporalesche hanno oscurato il canyon tutto il giorno, spostandosi appena in tempo per permettere alla luce del tramonto di illuminare e colorare la pioggia ormai distante.

bryce_canyon

Nel Bryce Canyon si trovano le fantastiche formazioni rocciose hoodoo: si formano quando la neve invernale si scioglie e, liquefatta, riempie le crepe nelle rocce e durante la notte congela. Quando l’acqua si congela, il suo volume aumenta quasi del 10% e pian piano amplia le crepe, facendo sì che alcune rocce si stacchino e cadano.

i_bends

Una volta giunti in Arizona, potrete recarvi in un altro luogo famosissimo e molto fotografato, Horseshoe Bend, che si trova alle porte della città Page. Horseshoe Bend è un punto del canyon in cui il fiume Colorado si piega in una curva di 270 gradi, conferendo il nome all’area (curva a ferro di cavallo). Si raggiunge dalla cima del canyon con una breve passeggiata. Per inquadrare l’intera scena, dovrete utilizzare un obiettivo da 16 mm o inferiore, oppure l’attrezzatura per scattare fotografie panoramiche. Un consiglio per inquadrare la massima porzione possibile del fiume è quella di sdraiarvi sul ciglio del canyon, tenendo il treppiede più basso possibile. Fate molta attenzione e spero che non soffriate di vertigini!

seguire_le_linee

Visitare i Vermilion Cliff nell’Arizona settentrionale è come arrivare su un altro pianeta. Un perfetto esempio dell’America sudorientale al suo massimo splendore. I Vermilion Cliff sono caratterizzati da moltissime linee curve scavate nelle rocce dal tempo: è praticamente un parco giochi per fotografi. Le rocce dalle forme e linee uniche offrono infinite possibilità per nuove inquadrature.

Spero vi sia piaciuto questo assaggio di Stati Uniti: gli splendidi paesaggi dovrebbero essere visitati da tutti gli amanti della natura.

Sean Ensch

Sean Ensch è un fotografo di viaggio, di paesaggi e subacqueo, originario della California, che vive da un anno in Norvegia.

seanenschimages.com
facebook.com/seanenschimages
instagram.com/sean_ensch_images
500px.com/sean_ensch_images

Top
I nostri brand