19.07.2015

FOTOGRAFARE DI NOTTE: CATTURARE SCIE LUMINOSE

19.07.2015

FOTOGRAFARE DI NOTTE: CATTURARE SCIE LUMINOSE

 

Copertina

 

Nell’articolo precedente ho affrontato le tecniche base per fotografare la città in uno dei suoi aspetti più caratteristici: le atmosfere che si creano di sera con le fonti luminose artificiali che in modo prepotente diventano protagoniste nelle scene che abbiamo di fronte agli occhi.

Tuttavia c’è un aspetto molto divertente e creativo che ti permetterà di sfruttare questa combinazione di fattori per ottenere delle foto dall’estremo impatto visivo.

Si parla di “light-trails” e si tratta di una tecnica fotografica alla portata di tutti, basta solo aver ben chiaro in mente come operare.

COS’È IL LIGHT-TRAILS

FOTO 1

Questo è il termine fotografico per identificare la tecnica, ma si può anche semplificare con il termine “SCIE LUMINOSE”.

In sostanza la tecnica consiste nel fare delle foto di sera a dei soggetti in movimento usando dei tempi di scatto lenti (o lunghi in base a come preferisci considerarli). L’importante è che i soggetti che vai a fotografare siano dotati di luce propria pertanto potrebbero essere le automobili, ma potresti benissimo sfruttare anche qualche parco dei divertimenti con le giostre ecc…

Usando un tempo di scatto lento (o lungo), combinato al movimento dei soggetti, ottieni una foto dove si vedono delle scie luminose colorate molto suggestive come negli esempi fotografici che ho riportato in questo articolo.

ATTREZZATURA NECESSARIA

Per realizzare questa tecnica fotografica del light-trail non è necessario essere dei grandi esperti della fotografia, tanto meno serve disporre di attrezzature fotografiche professionali.

Ovviamente l’esperienza e la pratica ti danno la possibilità di migliorare ulteriormente le immagini che puoi ottenere, ma per iniziare è soprattutto essenziale avere una fotocamera che ti permetta di utilizzare ed impostare dei tempi di scatto lunghi.

Questo significa che hai bisogno di una fotocamera che disponga dei comandi manuali più comuni come: priorità di tempo (T, Tv oppure S), priorità diaframma (Av, A) e manuale (M).

Per capire se la tua fotocamera dispone di queste funzionalità devi leggerti il manuale di istruzioni, se non trovi nessuna indicazione a questi comandi allora la tua fotocamera non ti permette di regolare il tempo di scatto e ti risulterà di conseguenza difficile ottenere certi risultati come quelli che vedi nelle foto che riportato come esempio.

Se disponi di una REFLEX ti assicuro che i comandi ci sono.

FOTO 2

Il secondo strumento di cui hai necessariamente bisogno è un buon treppiede.

Manfrotto offre numerose soluzioni molto valide per risolvere questo aspetto.

Se pensi di poter realizzare questo tipo di fotografia a mano libera o facendo uso di treppiedi acquistati in qualche mercatino orientale, non riuscirai mai ad ottenere risultati soddisfacenti.

Io posso suggerirti i seguenti modelli.

  • Manfrotto serie 190 se disponi di una reflex base;
  • Manfrotto serie 055 se disponi di reflex professionali;
  • Manfrotto BeFree se disponi di fotocamere Mirrorless o reflex leggere.

LE BASI PER FARE LIGHT-TRAILS

FOTO 3

Come prima cosa devi trovare uno scenario ideale per catturare le scie di luce delle automobili.

Un buon punto di partenza potrebbe essere quello di posizionarti lungo una strada o su un cavalcavia che sovrasta un’arteria stradale molto trafficata.

Devi ovviamente far attenzione a renderti visibile usando dei gilet ad alta visibilità (che di solito trovi in dotazione tra gli attrezzi di primo soccorso nelle automobili).

Successivamente, potrai individuare qualche punto di vista elevato che dà a qualche strada o intersezione trafficata; se abiti in montagna potresti sfruttare i tornanti, con le automobili che creano delle scie suggestive mentre risalgono il pendio. Se abiti in una grande città potresti invece sfruttare il punto di vista di un grattacielo o palazzo.

La seconda cosa che farai, ma che spiegherò meglio nel corso delle prossime righe, è quella di impostare la fotocamera in modo da poter regolarne il tempo di scatto; si parla quindi di usare la modalità manuale (M).

LA PROCEDURA

Prima di addentrarci in qualche parametro tecnico, se vuoi divertirti un pochino, sperimenta da solo. Prova a fare qualche foto usando dei tempi di scatto lenti (o lunghi) per vedere i risultati che ottieni. E’ molto istruttivo per comprendere a pieno di cosa stiamo parlando e di come funzionano,  poi comunque col digitale non ti costa nulla fare qualche foto in più.

Creare delle scie di luce non è difficile. Se hai fatto qualche test fotografico l’avrai notato anche tu. La parte più complicata è creare qualcosa d’interessante, ma per ora che stai iniziando ti do qualche suggerimento dal quale partire per impostare correttamente il lavoro:

1. Non aspettare il buio totale

FOTO 4

Potresti pensare che per fare light-trails sia necessario attendere il momento più buio, ma io ti consiglio di cominciare a fotografare e testare questa tecnica già dal momento in cui il sole cala dietro l’orizzonte.

Le scie luminose sono belle, ma ancora di più se accompagnate dalla presenza di un’atmosfera interessante data dal cielo.

2. Individua la location

FOTO 5

Ne ho già parlato prima, ma possiamo aggiungere tra i luoghi interessanti per questo tipo di fotografia: le rotonde, strade contornate da edifici illuminati, isole di traffico (nelle quali dovrai posizionarti tu per fotografare).

3. Pensa alla composizione

FOTO 6

Per questo tipo di fotografia le regole compositive non cambiano, sono le stesse di cui abbiamo parlato anche in tanti altri articoli. La regola dei terzi è la più pratica, immediata e semplice che puoi applicare per partire con il passo giusto.

4. Impostazioni di scatto

Sarebbe bello poterti dare un parametro di scatto preciso, unico e funzionale per questo tipo di tecnica fotografica, ma non esiste.

La combinazione tra tempo di scatto, apertura diaframma ed ISO è troppo variabile in base al contesto che ti ritrovi a fotografare. Andrebbe poi aggiunta anche la variabile data dalla velocità degli automezzi… Tuttavia, posso darti questi parametri per cominciare:

  • Imposta la fotocamera in Manuale (M);
  • Imposta la sensibilità ISO al valore più basso (100 oppure 200 iso);
  • Imposta un tempo di scatto di 10 secondi;
  • Imposta un’apertura diaframma pari a f/8.

5. Scatta

FOTO 7

Ora non ti resta che cominciare a fare qualche scatto di prova per capire se le impostazioni di scatto sono corrette o necessitano di qualche sistemazione.

Le foto sono troppo scure?

Se le foto sono troppo scure puoi sistemare la situazione aumentando la sensibilità ISO (passando da 100 iso a 200 per esempio) o aprendo un po’ di più il diaframma (passando da f/8 a f/5.6 ad esempio) oppure rallentando ancora di più il tempo di scatto (aumentare a 15 o 20 secondi). Puoi anche agire su tutti  e tre i valori.

Le foto sono troppo chiare?

Se le foto sono troppo chiare l’unico parametro sul quale puoi agire è il diaframma. In questo caso puoi chiudere il diaframma ulteriormente (passando da f/8 a f/11 o superiore). Volendo potresti anche velocizzare un po’ il tempo di scatto, portandolo a 5 secondi per esempio, ma questo compromette la riuscita della scia di luce.

COSA TI ASPETTA NEL PROSSIMO ARTICOLO?

Per chiudere questa serie articoli dedicati alla fotografia notturna non può mancare il capitolo dedicato ai paesaggi notturni!

Quindi tieni d’occhio il blog e prepara le batterie cariche della tua fotocamera!

Alessio Furlan

Fotografo freelance, insegnante di fotografia, autore e blogger.

sito web: www.alessiofurlan.com
blog: www.tecnicafotografica.net
Facebook: https://www.facebook.com/alessiofurlan.fotografo
Twitter: https://twitter.com/alessiofurlanph
Instagram: https://instagram.com/alessiofurlanph/
Flickr: https://www.flickr.com/photos/alessiofurlanph/

Top
I nostri brand