18.01.2016

On the road tra i castelli della Scozia

18.01.2016

On the road tra i castelli della Scozia

EDIMBURGO

Uno dei modi migliori per viaggiare, per noi il migliore in assoluto, è on the road: studi l’itinerario in base a ciò che vuoi vedere, pianifichi tappe e fermate, se necessario prenoti gli hotel ma soprattutto ti prendi tutta la libertà di cui hai bisogno per passeggiare, fare foto e scovare gemme che in altri modi sarebbe difficile trovare. La Scozia si presta benissimo ad un viaggio on the road che può essere declinato in diversi modi in base alle proprie preferenze: in questo caso vi raccontiamo il nostro viaggio scozzese alla scoperta dei castelli più importanti della Scozia.

Si parte da Edimburgo e dal suo Castello che, situato alla fine del Royal Mile, vale una visita in special modo per ammirare la sua imponenza; la visita all’interno dura 3 ore ma se non siete amanti di questo genere di visite la vista dall’esterno e il panorama che si gode dalla piazza antistante l’entrata bastano da sole. Specie di sera.

CASTELLO-EDIMBURGO

A pochi chilometri di macchina da Edimburgo il Tantallon Castle è tra i più visitati della Scozia: la vicinanza con la capitale lo rende uno dei posti raggiungibili anche con tour guidati di mezza giornata ed è per questo che è davvero difficile, per i fotografi, scovare un angolo isolato dove fare fotografie senza intralci.

TANTALLON

Salendo verso Nord, in zona Inverness, immancabile è Urquhart Castle sul Lago di Lochness: una location davvero affascinante ideale per chi sta cercando di immortalare un pezzo di cultura popolare scozzese. L’entrata ad Urquhart è a pagamento e, data la notorietà del luogo, anche in questo caso trovare angoli di paradiso per scattare foto potrebbe essere un’impresa. Basta però avere pazienza e posizionarsi in una zona strategica per riuscire a trovare il momento adatto.

URQUHART

Ancora a Nord e fuori dalle piste più battute si trova il Dunnottar Castle, nell’omonima località: qua a colpire non sono tanto le rovine del Castello (anche questo a pagamento) ma tutta la zona circostante. Il Castello si staglia infatti su un promontorio e guarda dall’alto il mare e le colline circostanti: il consiglio è di fotografarlo dal basso per ammirarne la grandezza ma anche per un punto di vista diverso, originale e particolare su un’attrazione classica.

DUNNOTTAR

A Dornie si trova l’Eilean Donan Castle che, situato sulla strada di passaggio, è anche uno dei più fotografati e visti: il Castello può essere visitato ma la prospettiva ideale per fotografarlo è dall’esterno e da lontano, tenendo conto anche della luce che spesso in inverno e primavera può essere penalizzante e dal fatto che il Castello è in perenne ristrutturazione con le impalcature ben visibili da tutti i lati.

EILEAN

Decisamente fuori mano e per questo affascinante anche per via della sua posizione spettacolare, praticamente in mezzo al nulla, il Kilchurn Castle non è irresistibile a livello architettonico ma la sua location è probabilmente tra le migliori della Scozia: si trova infatti all’inizio di un lago e si raggiunge tramite una strada sterrata. Visitarlo la mattina presto o la sera permette di godere al meglio di pace, tranquillità e relax. Noi l’abbiamo visitato in aprile con un tempo particolarmente uggioso e freddo, completamente da soli.

KILCHURN

Vi segnaliamo infine Stalcher Castle, anche questo abbastanza nascosto e raggiungibile tramite una strada privata: il Castello non può essere visitato ma la location è davvero unica e, anche in questo caso, raggiungerlo in orari consoni o trovare delle condizioni atmosferiche particolarmente favorevoli può contribuire molto a tirar fuori scatti unici e diversi.

STALKER

Qualche consiglio per fotografare i castelli in Scozia

Non esiste un unico modo per scattare foto di elementi statici come castelli e palazzi ma spetta all’occhio di chi scatta, alla sua sensibilità e all’impronta della sua fotografia decidere come, cosa e quando scattare. Ecco però qualche consiglio tecnico da tenere a mente per il prossimo vostro viaggio tra i castelli scozzesi:

  • Mantenere un’apertura che permette di mettere a fuoco al meglio in base alla lunghezza focale: un’apertura di f8/f11 con lunghezza focale da 14 a 24 mm (35mm equivalente) o un’apertura di f11/f16 con lunghezza focale da 28mm in poi;
  • Utilizzare un cavalletto per stabilizzare la macchina fotografica nel momento in cui, a queste aperture, è necessario abbassare la velocità di scatto;
  • Per fotografare le nuvole o l’acqua in movimento utilizzare filtri ND o sfruttare la minima apertura per tenere la velocità di scatto bassa e catturare così il movimento;
  • Utilizzare lenti wide angle se si vuole fotografare anche l’ambiente circostante il soggetto principale;
  • Cercare di tenere gli ISO bassi in modo che la foto sia più nitida possibile.

Il risultato sicuramente non sarà banale e rifletterà il viaggio ma, soprattutto, chi lo fa.

Testo di Veruska Anconitano
Foto di Giuseppe Milo

La Cuochina Sopraffina è il blog di cucina e viaggi culinari di Veruska Anconitano. Nella vita io mi occupo di marketing e comunicazione e lavoro a stretto contatto con Giuseppe, il fotografo che si occupa delle foto e anche della parte tecnica del sito (e che è anche mio marito e partner lavorativo!). Difficilmente ci trovate nello stesso posto perché prendere un aereo, per noi, è come lavarci i denti la mattina. Insieme viaggiamo alla scoperta del mondo con l’attrezzatura fotografica e la forchetta sempre pronta. 

Seguiteci anche su… 

Blog: www.lacuochinasopraffina.com / www.pixael.com
FB: www.facebook.com/La.Cuochina.Sopraffinawww.facebook.com/giuseppemilophoto
Twitter: @LaCuochina@pixael_com
Instagram: https://www.instagram.com/verucuochinahttps://www.instagram.com/pixael
Youtube: https://www.youtube.com/user/LaCuochina

Top
I nostri brand