17.07.2016

5 strumenti necessari per fotografare le Luci del Nord

17.07.2016

5 strumenti necessari per fotografare le Luci del Nord

Che sia stagione o meno, le luci del nord (o aurora boreale) sono sempre un argomento di conversazione in città e tra i turisti e i fotografi. C’è qualcosa di assolutamente magico che cattura a prima vista e, in realtà, non vi lascia più.

Alcuni anni fa ho avuto la fortuna di trascorrere un intero inverno sfidando il gelo Islandese e beh… con il gelo arrivano le luci del nord… Dopo un paio di mesi di giornate buie e in cui rabbrividivo per il freddo, ho deciso che la mia esperienza in Islanda era giunta al termine e che era giunto il momento di spostarmi in zone più temperate… Così almeno pensavo, finché ho acquistato un biglietto di sola andata per quest’isola in aprile.

NL

NL3

La stagione delle luci del nord stava per concludersi e la probabilità di vederle in quel periodo dell’anno era la stessa di trovare un ago in un pagliaio. Beh, il mio secondo giorno, dopo aver guidato per oltre 6 ore su e giù dalle montagne, le ho avvistate e lo spettacolo è stato davvero emozionante.

Quando si scattano fotografie in condizioni sfavorevoli, specialmente se si tratta di condizioni climatiche estreme, l’attrezzatura e gli accessori fanno la differenza tra scattare fotografie meravigliose o non riuscire a farlo. Disporre di un’attrezzatura adeguata non significa automaticamente scattare una bellissima fotografia, ma riduce il margine di errore, cosa che sicuramente aiuta.

NL4

NL2

Ecco 5 strumenti indispensabili quando si desidera catturare le luci del nord, che sia in Islanda o in qualsiasi altra parte del mondo:

1.Fotocamera: anche se in effetti gli obiettivi sono più importanti della fotocamera stessa, utilizzare una DSLR, che sia un modello base o professionale, dà risultati migliori rispetto ad altre fotocamere. Una DSLR vi permette di utilizzare controlli e impostazioni fondamentali per immortalare le luci del nord, che altri tipi di fotocamere non offrono (o lo fanno in modo limitato).

2.Treppiede: è lo strumento fondamentale per immortalare le luci del nord. Il treppiede vi consente di scattare fotografie a lunga esposizione catturando tutta la luce possibile senza compromettere l’integrità dell’immagine stessa, stabilizzandola e riducendo al minimo il movimento della fotocamera (quindi la sfocatura). Vi consiglio di utilizzare il treppiede Compact Action DSLR di Manfrotto, poiché è abbastanza pesante da poterlo utilizzare in condizioni climatiche estreme, ma allo stesso tempo è compatto e non così pesante e da impacciare i movimenti durante il trasporto.

3.Obiettivi: come in tutte le condizioni di scarsa luminosità, più veloce è l’obiettivo, meglio è. Utilizzo sempre i miei obiettivi da 50mm 1.4 e un grandangolo per poter inquadrare una porzione maggiore di paesaggio (11-16mm 2.8/ è perfetto per questi scenari).

4.Zaino: in genere amo portare con me uno zaino, perciò ne utilizzo uno anche nelle mie escursioni fotografiche. Avere un po’ di spazio in più nello zaino è fantastico, soprattutto se volete portare con voi uno o due maglioni extra per tenervi al caldo. Uno zaino impermeabile o da escursione è perfetto se dovete affrontare condizioni climatiche estreme, come pioggia e neve. Di solito utilizzo lo zaino per fotocamera e computer NX, poiché lo zaino stesso è diviso in due sezioni: una per i vostri abiti e una per la vostra attrezzatura e fotocamera. Anche se lo zaino è completamente imbottito ed è abbastanza sicuro per poter trasportare con sicurezza fotocamera e computer, non lo utilizzerei in condizioni climatiche estreme, non essendo impermeabile.

5.Scheda SD: potrebbe essere ovvio, ma per immortalare le luci del nord sono necessari diverse prove ed errori, quindi vi servirà molto più spazio di quanto avverrebbe normalmente. Vi suggerisco inoltre di scattare le fotografie in formato RAW, in modo da poter ritoccare facilmente piccoli dettagli qua e la, mantenendo allo stesso tempo la qualità dell’immagine.

NL5

Donna Tzaneva

Donna Tzaneva è una globetrotter che ha da poco superato la ventina, nata in Bulgaria, cresciuta in Australia, che attualmente vive in Islanda. Dopo essere stata una cavallerizza professionista, un brutto infortunio alla schiena l’ha costretta a lasciare quella carriera e a dedicarsi alla fotografia. Non si è mai fermata da allora.

Blog: www.globetrottingdonna.com

Facebook Page: www.facebook.com/globetrottingdonna

Top
I nostri brand