Macca Sherifi

24.04.2018

10 tipici errori dei fotografi principianti

written by:
Macca Sherifi

24.04.2018

10 tipici errori dei fotografi principianti

Come evitare errori comuni in fotografia e ottenere enormi miglioramenti

 

Sto per affermare qualcosa che spero ti renderà felice: diventerai un fotografo migliore, te lo garantisco.

 

Ripenso al tempo in cui ho iniziato a prendere la fotografia molto più seriamente e non avevo idea di quello che facevo. Scattavo foto in modo istintivo, senza riflettere, ma con il passare degli anni il mio stile si è evoluto. L’ho perfezionato, rendendolo più essenziale, e solo ora, molti anni dopo, sono orgoglioso delle foto che realizzo. Ma raggiungere questo traguardo ha richiesto del tempo.

 

Un aspetto avvincente è che non esiste un prodotto perfetto e persino i fotografi professionisti sono costantemente alla ricerca di nuovi modi per migliorare; questo vale sicuramente per me! Per quanto mi riguarda, so con certezza che in futuro le mie foto saranno molto diverse da quelle che realizzo oggi ed è qualcosa che continua a entusiasmarmi.

 

In fotografia molti miglioramenti avvengono naturalmente man mano che si acquisisce esperienza. Ad esempio, di solito la regola dei terzi si apprende in modo spontaneo. Tuttavia è normale commettere determinati errori prima di ottenere risultati soddisfacenti.

 

Per indirizzarti sulla strada giusta descrivo di seguito alcuni errori comuni dei fotografi esordienti e fornisco suggerimenti utili ad evitare tali errori.

 

 

  1. Posizionare tutto al centro dell’inquadratura

 

Quando inizi a fotografare, solitamente posizioni tutto al centro dell’inquadratura. L’orizzonte divide la foto a metà o la persona che stai immortalando è posizionata al centro e occupa l’intera immagine. Quando realizzi una foto, sei tu che racconti la storia, sei tu che dici alle persone dove rivolgere lo sguardo. Applicando la regola dei terzi e spostando il soggetto all’interno dell’inquadratura, puoi raccontare molto di più con una singola foto.

 

Macca Sherifi

 

  1. Scattare una sola foto di un determinato soggetto

 

Molti fotografi novellini scattano una foto, danno una rapida occhiata all’immagine sul display della fotocamera, pensano che il risultato sia buono e passano ad altro. In realtà è difficile stabilire la qualità di una fotografia osservandola sul piccolo schermo della fotocamera, pertanto esegui sempre più scatti (preferibilmente con composizioni leggermente diverse) o te ne pentirai.

 

Macca Sherifi

 

  1. Cancellare le foto perché non sono “venute bene”

 

Questa è una cattiva abitudine dei fotografi esordienti, che infatti avevo anch’io all’inizio. Smetti di cancellare le foto! Non so cosa darei per tornare indietro e recuperare quelle foto che secondo me non erano “venute bene”. È vero, potrebbero essere lievemente sfocate, ma raccontano una storia e ognuna di esse è un tuo ricordo. Ti consiglio dunque di conservarle per il tuo benessere. Il tuo io futuro te ne sarà grato.

 

Macca Sherifi

 

  1. Scattare foto solo in JPEG per risparmiare spazio

 

Sono sicuro che, oltre ad eliminare le foto, scatti in formato JPEG anziché in RAW per risparmiare spazio. È comprensibile, ma ti garantisco che otterrai risultati notevolmente migliori se passi al formato RAW. Un’immagine RAW ti offre possibilità di elaborazione infinitamente maggiori in fase di post-produzione; inoltre ormai i costi di dischi rigidi e memorie esterni sono talmente contenuti che risparmiare spazio non è più una giustificazione valida.

 

Macca Sherifi

 

  1. Non pulire mai la fotocamera e l’attrezzatura

 

Come qualsiasi meccanismo, la fotocamera richiede cure amorevoli, soprattutto se la utilizzi in modo intensivo. È mia abitudine pulire la fotocamera mediamente una volta al mese. Di solito pulisco a fondo l’esterno della fotocamera per rimuovere il sale e la polvere; inoltre pulisco il sensore per evitare che compaiano macchie. Se desideri veramente migliorare la qualità delle tue foto, prenditi cura dell’attrezzatura e impara a pulire il sensore manualmente.

 

Macca Sherifi

 

  1. Credere di poter ottenere risultati di qualità superiore acquistando l’attrezzatura migliore disponibile

 

Mi è capitato di viaggiare con una persona che possedeva una Canon 5D mkiii e la utilizzava come una normale fotocamera punta e scatta. Non conosceva il concetto di priorità di apertura o di tempo, perciò usava sempre la modalità automatica. Dopo un po’ mi disse: “Ho appena acquistato una fotocamera da 3000 sterline, perché le mie foto non migliorano?”. Il problema non era la fotocamera, ma il fotografo. L’attrezzatura migliore non ti trasforma automaticamente in un fotografo eccezionale. Sia che usi lo smartphone o la fotocamera più costosa del mondo, devi imparare a utilizzare il dispositivo correttamente. Leggi il manuale, guarda i video su YouTube, scopri come utilizzare al meglio l’attrezzatura.

 

Macca Sherifi

 

  1. Mettere a fuoco automaticamente anziché usare il punto singolo

 

In fotografia è importante esercitare il massimo controllo possibile sulla fotocamera. Questo significa impostare manualmente apertura, velocità dell’otturatore, ISO, bilanciamento del bianco e così via. Un altro elemento da tenere sotto controllo è il punto di messa a fuoco. Ad esempio, per i ritratti fotografici di persone, accertati di posizionare il punto di messa a fuoco sugli occhi. Se vuoi fotografare un albero in un paesaggio, posiziona il punto di messa a fuoco su di esso. Cerca di avere sempre tutto sotto controllo e non lasciare che sia la fotocamera a gestire la messa a fuoco.

 

Macca Sherifi

 

  1. Non capire perché le foto risultano mosse

 

In fotografia vige la regola seguente: la velocità dell’otturatore non dovrebbe essere inferiore alla lunghezza focale. Questo significa che se utilizzi una fotocamera full frame con un obiettivo da 50 mm, la velocità dell’otturatore non dovrebbe essere inferiore a 1/50 di secondo altrimenti le foto risultano mosse (1/85 di secondo per le fotocamere con sensore APS-C con fattore di crop). Per evitare di ottenere foto mosse e quindi sfocate, è importante capire innanzitutto i motivi della sfocatura. In alternativa, puoi acquistare e imparare a usare un treppiede. Le mie foto sono migliorate notevolmente quando ho comprato il primo treppiede Manfrotto 190 CF. È un modo per avere la certezza di realizzare foto nitide quasi sempre.

 

Macca Sherifi

 

  1. Non prestare attenzione a quello che compare sullo sfondo dell’inquadratura

 

Non stupirti se quando riguardi le foto ti accorgi che un bidone dell’immondizia è apparso magicamente o che un albero sembra crescere dalla testa di qualcuno. Quando si scattano fotografie si tende a concentrarsi sul soggetto in primo piano, trascurando completamente lo sfondo. La prossima volta accertati dapprima che non vi sia nulla sullo sfondo che possa interferire con il soggetto.

 

Macca Sherifi

 

  1. Eccessiva saturazione delle foto durante la post-produzione

 

Quando si elaborano le foto in fase di post-produzione, inizialmente si tende a regolare la vividezza e la saturazione su 100. Tuttavia lo scopo della fotografia è quello di catturare scene naturali. L’eccessiva saturazione non è la soluzione ideale. D’accordo, è importante fare risaltare i colori in un’immagine, ma occorre farlo nel modo giusto.

 

Macca Sherifi

 

Ricorda, la fotografia è un viaggio. È molto improbabile che tu riesca a realizzare subito capolavori fotografici. Ma con la pratica, la pazienza e la volontà di imparare potrai creare foto straordinarie in breve tempo. Basta evitare alcuni di questi errori comuni per ottenere risultati eccellenti.

Top
I nostri brand