14.03.2019

VIAGGIO AI CONFINI DELLA CATALOGNA: IL MERAVIGLIOSO BORGO DI CADACQUES in compagnia di BUMBLEBEE 130

14.03.2019

VIAGGIO AI CONFINI DELLA CATALOGNA: IL MERAVIGLIOSO BORGO DI CADACQUES in compagnia di BUMBLEBEE 130

Capita delle volte di uscire di casa senza avere una meta precisa, ma con in testa uno spunto, una suggestione. Niente di concreto, solo una vocetta suadente che ti risuona nelle orecchie, e la chiara sensazione che è bene seguire quell’intuizione!

Ci è successo così qualche domenica fa.
Il cielo sopra Barcellona era grigio ed arrogante, e minacciava di scagliare sulla città uno di quegli acquazzoni che spazza via qualsiasi proposito di viaggio!
Avevamo perciò due soluzioni: rimanere in casa a poltrire tra vari ozi intellettuali, oppure allontanarsi il prima possibile dalla città. Una scelta ardua, visto il cielo minaccioso e l’aria fresca, anzi fredda di quella cupa domenica qualsiasi.

A CADAQUéS CI SIAMO ARRIVATI MOLTO BEN ACCOMPAGNATI
Lo zaino BUBLEBEE 130 è davvero un’ottima scelta per gite fuoriporta o viaggi non troppo lunghi. Lo considero uno zaino eccellente rispetto alla struttura, è infatti leggerissimo e molto ergonomico, aderisce perfettamente alla schiena con un’ottima distribuzione del peso e grazie ai tessuti tecnici di cui è composto è traspirante.
E’ possibile inserire tutto il necessario per avere con se un’attrezzatura fotografica professionale e qualcosina in più. La parte esterna è semi impermeabile ma è dotato di una cappa “waterproof” che lo ricopre completamente. E’ adatto a fotografi più avventurosi, camminatori o viaggiatori come noi che necessitano di portare con se il necessario e averlo a portata di mano facilmente.

Inizia proprio da qui, da questo dilemma, il nostro viaggio ai confini della Catalogna, alla scoperta di un mondo remoto e bellissimo, dove la natura impera ed una costa selvaggia e frastagliata ospita borghi dal fulgore indescrivibile. Tra tutti questi borghi, il più speciale è certamente Cadaqués, un luogo incantevole dove artisti geniali hanno trovato la propria alcova e hanno creato il proprio mondo fantastico!

” In questo luogo privilegiato il reale e il sublime quasi si toccano. Il mio paradiso comincia tra le pianure dell’Ampurdà circondato dalle colline di Les Alberes e incontra la sua realizzazione nella baia di Cadaqués. Questo paese è la mia ispirazione costante.”

Così Salvador Dalì definì Cadaqués, come la sua ispirazione costante, come la sua culla d’amore. Qui concepì molte delle sue opere, e qui visse per un lungo lasso di tempo che va dal 1930 al 1982, assieme a Gala (sua moglie e musa ispiratrice) nella magia più estrema. E già, perché Cadaqués è un sogno, uno dei più intensi che si possano vivere, uno degli scorci più pittoreschi di tutta la Costa Brava, un mosaico d’arte al confine con la Francia.

Cadaqués è il paese più orientale della Spagna e racchiude nei suoi paesaggi tutto il fascino di una natura selvaggia e incontaminata. Barcellona è lontana più o meno 2 ore e mezza in macchina e arrivare sin qui non è poi così immediato, giacché bisogna passare prima per Figueres e poi proseguire verso la Jonquera, un tempo passo di frontiera tra Spagna e Francia.

Una volta lasciata la super strada, si comincia a salire tra i monti che nascondono il mare, sulla scia di una lunga serie di curve e tornanti. Domina la roccia scura, e tutt’intorno una vegetazione brulla,

ma di un verde intenso, interrotta solo ogni tanto dal giallo acceso delle ginestre. Il cielo è striato da nubi dense e candide, fino a quando l’occhio non scorge il blu infinito del Mediterraneo, e come per magia, la baia di Cadaqués si svela in tutta la sua pittorica bellezza. Come una cartolina indimenticabile che smuove le corde del sentimento, sublimandosi in un irresistibile atto di seduzione.

L’ANGOLAZIONE CORRETTA PER UNA PROSPETTIVA PIU’ AMPIA
La giornata non era delle migliori a livello climatico, il sole andava e veniva ma il cielo era assolutamente spettacolare e volevo sfruttarlo per arricchire l’immagine.

Questo scatto è stato fatto con un 24mm fisso, f 5, ISO 200 e 1/8000 di tempi…perchè?
Innanzitutto un’ottica del genere mi permette di avere una prospettiva più ampia senza distorcere le linee inoltre, ho cercato l’angolazione che sfruttasse la curva della spiaggia, le nuvole che si concentrano al centro dell’immagine e la barchetta centrale che in qualche modo bilancia il tutto.

Ma vediamo perchè la scelta di un diaframma così aperto e un otturatore così veloce: semplicemente per una scelta stilistica come sempre d’altronde 😉 . Sì, non volevo avere un’immagine totalmente definita in tutti i suoi piani, mi interessava dare un leggero punto di sfocatura sul fondo e lasciare più libertà all’immaginazione di chi guarda.
Un altra piccola ragione è per evitare l’eccessivo contrasto…più si chiude in diaframma più il contrasto sarà evidente.

È una sensazione totalizzante che ti pervade il cuore, forse incapace di cogliere nell’immediato tutta questa bellezza. Siamo in uno degli scorci più belli e intensi della Costa Brava e, avvolto da una natura così vergine, ecco sbucare il borgo marinaro di Cadaqués, luogo ameno e idilliaco, un tempo riservato villaggio di pescatori, oggi buen retiro esclusivo di scrittori e artisti di tutto il mondo.
Cadaqués, però, è cambiata molto da quando Salvador Dalí la scelse come suo regno, e nel frattempo ha assunto un che di snob. Ma a parte questa sensazione, le casette candide che affollano le pendici dei monti, affacciandosi sul mare, sono uno spettacolo, e non c’è nulla di più bello che sedersi su uno scoglio e contemplare quest’opera d’arte di inestimabile valore.

Cadaqués è un piccolo borgo marinaio che nonostante le dimensioni, offre varie alternative che vannodal relax più totale e dall’ozio contemplativo di fronte ad un panorama così speciale, fino alle varie attività sportive da fare nei dintorni. Una serie di sentieri, che si intrecciano come le maglie di una ragnatela, danno vita ad un’interessante mappa topografica per la gioia degli amanti del trekking e del senderismo.

Dalla baia di Cadaqués partono infatti sentieri che conducono al Parco Naturale di Cap de Creu e al faro di Cap de Creu, rispettivamente ad occidente e a oriente della cittadina. Sarà interessante scoprire la morfologia frastagliata di questo tratto di costa, che di dolce non ha nulla. Ma la vera essenza di Cadaqués è il mare, perciò qui avrete l’occasione di fare diving, snorkeling, scuole di Vela ed escursioni in barca.

Come dicevo, lo zaino bumblebee 130 è molto adatto a viaggi brevi o ad escursioni anche di qualche giorno. Non è troppo grande ma ha spazi ben distribuiti e personalizzabili, garantisce una protezione più che adeguata all’attrezzatura e dispone oltretutto di scomparto e linguetta esterni per l’attacco del treppiedi. Lo scomparto a ridosso della schiena è pensato per un laptop 13”/15” e ciò lo rende perfetto per poter avere tutto l’occorrente necessario a lavori fotografici in loco di qualche giorno.

Passeggiando poi tra i vicoli della cittadina, e lasciandoci alle spalle la baia di Cadaqués, ci mettiamo in cammino per raggiungere Port Lligat, luogo ancor più ameno che nasconde tra le sue insenatura degli scorci di infinita quiete e bellezza.
Proprio in una di queste baiette, Dalí organizzò il suo regno, la sua casa-studio, dove visse per ben cinquant’anni assieme alla sua Gala.
Port Lligat quindi la si raggiunge in 15 minuti camminando, oppure in 5 minuti di macchina. Tutt’intorno solo natura e ville splendide. L’estate sia Port Lligat che Cadaqués vengono ovviamente invase dai turisti, per cui il periodo migliore per godersi la tranquillità di questi luoghi è senza dubbio la primavera.

E allora facciamo un brindisi al destino che ci ha portato sin qui e che ci ha dato l’opportunità di contemplare questi paesaggi meravigliosi, dove la natura ben si concilia con la presenza umana, e dove il mare valorizza ogni scorcio.
E come dimenticare colui che ci ha introdotto con i suoi scritti e le sue opere a questa magia? Ringrazieremo sempre Salvador Dalí, un genio che ha ispirato l’esistenza di noi semplici viaggiatori.

Grazie Cadaqués, è stato un piacere, anzi un sogno!

Top
I nostri brand